skip to Main Content

Se il tredoziese Angelo Ravagli ha ispirato il personaggio dell’amante di Lady Chatterly”, nel celebre romanzo omonimo di David Herbert Lawrence, Giovanni Succi di Cesenatico molto probabilmente diede a Franz Kafka lo spunto per la novella “Ein Hungerkünstler” (Un artista della fame).

La storia in sintesi: Giovanni Succi (Cesenatico 1850 – Scandicci 1918) dopo una serie di disavventure familiari e alcuni viaggi in Africa, al ritorno in Italia cominciò ad esibirsi come “digiunatore” professionista. Aveva scoperto di poter rimanere senza cibo solido per giorni e giorni – col solo aiuto di acqua e di un particolare elisir la cui formula aveva appreso, a suo dire, da uno stregone africano – senza che il suo fisico ne risentisse.

La sua fama di “digiunatore” lo portò in giro per l’Europa e anche in America, dando prova delle sue incredibili capacità davanti a migliaia e migliaia di spettatori paganti e anche sotto la rigorosa sorveglianza di commissioni mediche. Conquistò il record mondiale di digiuno e mai riportò conseguenze da questa pericolosa attività.

Un approfondito studio sulla vita di Giovanni Succi è stato pubblicato sul sito “Giannella Channel” con un coinvolgente testo di Ennio Ferretti e numerose illustrazioni. Lo potete trovare a questo link:

https://www.giannellachannel.info/giovanni-succi-il-digiunatore-di-cesenatico-che-ispiro-kafka/

×Close search
Cerca

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi